Le Chinuliddhre Salentine, una golosa delizia

Se durante il vostro viaggio, dovessero offrirvi delle chinuliddhre salentine, vi consiglio vivamente di accettarle e di dare così un morso ad uno dei dolci storici di questa terra.

Si tratta di una sorta di ravioli dolci, fatti di pasta frolla e ripieni di marmellata. Una vera e propria delizia che vi farà leccare i baffi quasi al pari dei più celebri pasticciotti leccesi.

Ogni famiglia si dedica alla realizzazione delle chinuliddhre salentine, in genere, nel periodo natalizio insieme a numerose altre ricette realizzate solo in questo periodo dell’anno. Preparandone in grosse quantità e diffondendo nella casa un profumo di agrumi e cannella davvero indimenticabile.

Potete trovarle specialmente nei forni e nelle piccole attività della zona. Ma se volete entrare nel vivo della tradizione salentina dovete, almeno una volta, provare a realizzarli con le vostre mani. Ecco per voi la preziosa ricetta.

Fonte: Vizionario.it

La Ricetta delle Chinuliddhre

Ingredienti:

  • 1 kg di farina
  • 1 uovo
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 200 gr di olio di oliva
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • liquore all’anice
  • qualche buccia di arancia, limone e mandarino
  • un pizzico di sale
  • un pizzico di cannella
  • marmellata a vostro piacimento

Preparazione:

Create una fontana di farina sul piano da lavoro ed aggiungete man mano tutti gli ingredienti. Per quanto riguarda l’aggiunta del vino e del liquore all’anice, regolatevi in base alla consistenza della pasta che andrete ad ottenere impastando.

Quest’ultima non deve essere troppo densa o troppo liquida, ma abbastanza elastica e compatta. Quando avrete ottenuto un impasto liscio ed omogeneo, stendetelo creando una sfoglia abbastanza sottile, ma non troppo.

Fonte: Vizionario.it

Aiutatevi con un tagliapasta ed ritagliate tanti cerchi, al centro dei quali andrete a mettere un po’ di marmellata. La tradizione salentina prevede l’utilizzo di tutte quelle marmellate che vengono realizzate nel periodo estivo, quando i frutti sono abbondanti, e quindi via libera a marmellate di pere, cotogne, uva di negroamaro e quant’altro. L’utilizzo delle marmellate in Salento è consueto basti ricordare i deliziosi fruttoni dei quali le confetture sono assolutamente alla base.

Chiudete il dischetto andando a formare una specie di raviolo e friggete fino a quando non diventeranno dorate.

Se volete ottenere un risultato perfetto e decisamente più goloso, ricoprite le chinuliddhre salentine con del miele. Avrete realizzato una delizia tutta salentina che di certo non dimenticherete più.

Sommario
recipe image
Ricetta
Chinuliddhre Salentine
Autore
Pubblicazione
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
Voto
51star1star1star1star1star Based on 2 Review(s)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.