Le Spiagge e il Mare di Otranto

Laghi Alimini - Baia dei Turchi - Spiagge di Otranto - A sud di Otranto 

 

spiagge mare otranto 1

 

Otranto dispone di una lunga zona costiera balneabile, che parte “da lontano” dai Laghi Alimini, a nord, ricomprende il centro abitato e prosegue a sud fino a Porto Badisco, di cui parliamo a parte.L’amministrazione di Otranto si è impegnata da diversi anni nella rivalutazione dell’area costiera idruntina ed oggi i molti sforzi sono stati ripagati, riportandola al top per quanto riguarda la qualità delle strutture e la promozione della propria costa. Così, al di là delle immediate vicinanze (Otranto dispone comunque anche di due piccole spiagge cittadine), molto della bellezza delle sue rive è anche nelle località immediatamente a nord e a sud, dove possiamo trovare diverse spiagge sia libere che private. Ripercorriamo insieme queste spiagge, scopriamone gli aspetti più importante e come raggiungerle.

 

Le spiagge dei Laghi Alimini

 

La costa immediatamente a nord di Otranto comincia con la riviera degli Haethey e man mano porta verso i Laghi Alimini. In questa prima zona, alle caratteristiche grotte, anfratti e insenature, si associano particolari specie di flora come il pino marittimo (pinus pinaster) che trionfa tra le dune e i laghi, insieme alla tipica macchia mediterranea. I Laghi Alimini sono l'elemento più caratteristico dell'agro otrantino. Il sistema lacustre è composto da due bacini con fisionomie diverse: il primo è detto Fontanelle o Alimini Piccolo, si trova più a meridione e sgorga da una sorgente sotterranea d'acqua dolce; mentre l'altro, chiamato Alimini Grande, è alimentato dal primo attraverso un canale e chiuso dalle dune.

 

Di fronte ad Alimini Grande, si possono trovare molte piante della macchia mediterranea come piante di ginepro, lentisco, rosmarino, il tamarisco (simile al cipresso), la mortella. I pesci dei laghi (cefali, spigole, capitoni, sogliole) sono esportati ogni giorno sui migliori mercati italiani ed europei.

 

Attorno ai laghi sorgono diverse aree verdi in cui è possibile riposare, fare footing, giocare. Dal lato opposto, fronte mare, sorgono delle lunghe spiagge di sabbia bianca che appartengono quasi interamente a villaggi turistici, con brevi tratti di spiaggia libera. È qui che si trovano infatti la maggior parte dei villaggi turistici dell’idruntino, tra cui ricordiamo i villaggi Smile e Bravo Club, Serra Alimini Uno e Due, il Lido dei Pini, in Green Paradise, che ogni anno accolgono migliaia di turisti, ben disposti a tornare una volta vista la spiaggia l’anno precedente. Per raggiungere queste spiagge è indispensabile parcheggiare lungo la provinciale costiera negli appositi spazi a pagamento e avviarsi a piedi verso il mare inoltrandosi nella pineta. Alcuni resort organizzano anche un servizio di spola dal resort alla spiaggia. Una volta giunti sulla costa, la “fatica” sarà ricompensata da una lungo tratto di arenile che si distende a perdita d’occhio (e che possiamo considerarlo nel complesso di circa 3 chilometri), con una spiaggia abbondantemente larga riparata alle spalle da alte dune.

 

Passeggiando sulla battigia, potrebbe capitarvi di notare a diversi metri nel mare il relitto di una nave: si tratta della Dimitros, piccola nave commerciale arenatasi nel 1978 nelle secche di Otranto e lì rimasta a consumarsi tanto che oggi ne resta davvero poco. Il relitto è ben delimitato e non è possibile avvicinarsi a nuoto.

 

È sempre in questa zona, poco prima di arrivare alle spiagge dei Laghi Alimini, che troviamo anche la bellissima Baia dei Turchi, così chiamata perché fu su questo tratto che nel 1480 i Turchi sbarcarono per attaccare Otranto. Fortunatamente, oggi di quell’attacco rimane solo il doloroso ricordo portato attraverso i secoli, e questa baia è rimasta intatta nella sua clamorosa bellezza: da un lato è costituita da bassa scogliera, dall’altro si sviluppa una grande e lunga spiaggia bianca. Il mare brilla di riflessi assolati, in un crogiolo di giochi di luce sul fondale difficili da dimenticare, mentre alzando lo sguardo li vedrete diventare sempre più azzurri verso il fondo.

 

immagine 1: flickr by Francesca Special K, licenza CC.

immagine 2: foto di Carmelo Raineri.

 

 

4951083016 ece1d07d10 o

 

immagine 1: flickr by Francesca Special K, licenza CC.

immagine 2: foto di Carmelo Raineri.

 

La Baia dei Turchi

 

baia dei turchi 1

 

Pochi chilometri a nord di Otranto, subito a sud delle spiagge degli Alimini di cui abbiamo appena parlato, troverete una segnaletica verso la costa che vi indicherà la “Baia dei Turchi”. Non vedrete subito il mare, poiché in quel tratto la litoranea è più interna per lasciar spazio ad ampi tratti di pinete e macchia mediterranea salvaguardata. Vi consigliamo però di lasciare l’automobile in uno degli appositi parcheggi predisposti lungo la strada per addentrarvi nella pineta: dopo alcuni minuti di una rilassante camminata nel verde vi troverete davanti un mare dai colori accesi e intensi e raggiungerete così la Baia dei Turchi.

 

Si tratta di un ampio tratto costiero che presenta sia bassa scogliera che un arenile sabbioso. Il nome deriva in tutto e per tutto dal terribile attacco che gli idruntini subirono da parte dei turchi saraceni nel 1480 e che costò la vita a gran parte degli abitanti e una distruzione quasi totale della città di Otranto: si dice, infatti, che fu proprio in questa baia che essi sbarcarono per il loro assalto repentino e crudele. Oggi, però, di quei giorni resta solo un remoto humus culturale sedimentato nei secoli, mentre questo tratto è rimasto del tutto incontaminato, tanto che proprio per proteggere il suo stato selvaggio attorno alla metà degli anni Duemila è stata rifiutata nell’area la costruzione di stabilimenti balneari e di ogni compromesso con altre strutture, così che risulta essere una magnifica baia a libero accesso.

 

La parte nord è soprattutto rocciosa con piccole calette sabbiose, ma la scogliera predomina intersecandosi in magnifici intrecci con il mare. Via via, procedendo a piedi lungo la costa verso sud, gli scogli si fanno da parte per lasciar spazio ad un vasto, ampio e lungo arenile di sabbia fine e bianchissima che non potrete far altro che ammirare per la sua bellezza, completando il quadro di un mare di un azzurro intenso all’orizzonte e sempre più tenue verso la riva fino a diventare bianco e trasparente appena oltre il bagnasciuga.

 

baia dei turchi 2

 

Proprio il suo essere estremamente naturale fa apprezzare questa baia soprattutto a giugno o a settembre, quando non è ancora o non è più presa d’assalto dai turisti e potrete godere di ampi spazi personali e visivi. In alternativa, una buona idea per evitare gli assembramenti e vederla nel miglior stato possibile è quella di recarvisi nelle prime ore del mattino oppure appena prima del tramonto. Il tratto di mare è ideale anche per le famiglie con pargoli al seguito, dal momento che i bambini potranno giocare in acqua senza che voi la temiate più di tanto, dal momento che il fondale degrada molto lentamente verso la profondità. Potrete così pensare a giocare con loro in tutta tranquillità o rilassarvi badando ai bambini con semplici occhiate. Se volete usufruire di servizi, invece, dovrete spostarvi anche se non di molto verso le aree limitrofe dove tornano ad esserci lidi attrezzati.

 

La Baia dei Turchi è parte dell’area protetta comprensiva anche dei Laghi Alimini ed è stata considerata da un sondaggio FAI del 2009 come la prima spiaggia del cuore dell’intera Puglia, scelta tra ottocento chilometri di costa.

 

 

baia dei turchi 3

 

Le spiagge cittadine di Otranto

 

Se non avete automobile, ma avete comunque prenotato la vostra vacanza ad Otranto, il centro salentino offre anche la possibilità di godere di due piccole spiagge libere che si trovano direttamente nell’abitato. La spiaggia più vicina al centro storico si espande appena accanto al piccolo porto ed è ben visibile dall’area passeggio sul lungomare. Un tratto non molto esteso di sabbia grigia, posto in un contesto incantevole. Qui si tengono ogni estate anche alcuni tornei di pallavolo grazie alla presenza del campo di beach volley e l’accesso è completamente gratuito: vi basterà discendere dal lungomare tramite le scalinate.

 

Proseguendo in direzione del lungomare “basso”, oltre alcuni lidi privati e ristorantini, si apre nuovamente una spiaggia libera ancor più piccola, cui si accede tramite un’ampia scalinata posta a mezzaluna. Considerando gli spazi minimi, naturalmente, per trovar posto in questa spiaggia (così come anche in quella più centrale) è necessario recarsi al mare di buon mattino oppure dopo le cinque del pomeriggio. Potete però anche raggiungerle semplicemente per un bagno veloce in mare, senza star a preoccuparvi troppo dello spazio per un ombrellone!

 

A Sud di Otranto

 

La costa a sud di Otranto invece si presenta con l’area del porto e qui troviamo la roccia bianca, che segna con cespugli sempre verdi il piccolo golfo delle Orte, dove sfida il tempo la vecchia Torre del Serpe o Torre dell'Idro, già stemma della città. Questo lato di costa è invece privo di vere e proprie spiagge e si presenta più alta e rocciosa, in uno scenario pittoresco e suggestivo tra promontori e calette. Forse meno frequentato, ma decisamente molto scenografico.

 

Alcuni chilometri a sud della città, invece, si apre la bella baia di Porto Badisco che merita un suo spazio a parte e di cui potete leggere cliccando sul link.

 

Nel complesso, dunque, le spiagge di Otranto offrono tutto quanto si possa desiderare in una vacanza: spiagge lunghe e bianche in cui soggiornare per una vacanza in resort e villaggi, spiagge libere nel centro abitato, aree dall’innegabile bellezza naturale e paesaggistica come quella di Porto Badisco.

 

sud-otranto

Foto di Franco Mantegani

 

 

immagine 1: by Paride81 (Own work) [CC-BY-3.0], via Wikimedia Commons

immagine 2: By Kaus at it.wikipedia [Public domain], from Wikimedia Commons

immagine 3: flickr by googlisti, licenza CC

 

Commenti (0)

There are no comments posted here yet

Lascia i tuoi commenti

Posting comment as a guest.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location

 

 
X
Vuoi rimanere aggiornato sul Salento o ricevere le migliori offerte per le tue vacanze?
Iscriviti alla nostra Newsletter:
Nome:
E-mail:
 
 

  Autorizzo al trattamento dei dati personali D.L. 196/03