Offerta Last Minute – Ponte Immacolata

Ponte Immacolata nel Salento

By Cammmello at it.wikipedia. [Public domain], from Wikimedia Commons.

Ci siamo quasi, a Natale manca davvero poco. Un paio di settimane e si rinnoverà la tipica magia del 25 Dicembre e la speranzosa attesa di un nuovo anno, magari ricco di buone sorprese. Il sapore delle vacanze natalizie ce lo regala il Ponte dell’Immacolata, nei giorni a cavallo dell’8 del mese. La festa in onore della Madonna rappresenta un’occasione speciale per tuffarsi nel mondo salentino, scoprendone le tradizioni, ammirandone i rituali e apprezzandone i sapori.

I giorni che precedono la ricorrenza religiosa sono ricchi di eventi, dal momento che si tratta di una festa molto sentita in parecchi dei comuni salentini. A Carmiano, Casarano, Calimera, Nardò, Galatone, si svolgono i consueti rituali, sacri e profani, che preparano l’adorazione dell’Immacolata. Funzioni religiose, tradizionali processioni (fra tutte quella di Gallipoli fra le stradine del centro storico), succulenti piatti tipici: tutto contribuisce a creare l’atmosfera di festa attorno all’8 Dicembre.

Una nota speciale in questo periodo la merita la pittula o “pèttula”, che dir si voglia. Si tratta di una delle pietanze ambasciatrici della ricca gastronomia salentina, al pari del pasticciotto o della frisella. Naturalmente, come spesso accade, la sua bontà sta nella semplicità: farina, acqua, lievito e sale, questi gli ingredienti per delle tipiche frittelle salentine che scaldano l’ultimo mese dell’anno.

Le occasioni per assaggiarle non mancano: i folcloristici falò di Santa Lucia, la sera del 12 dicembre. In questi giorni è possibile scoprire i borghi antichi sotto una veste festosa, date le celebrazioni e le sagre che si tengono in suo onore. A Maruggio, ad esempio, va in scena la Sagra della Pittula come anche ad Acquarica del Capo e Calimera.

Il ponte dell’Immacolata può essere sfruttato facendo percorsi a piedi fra le campagne salentine o in bici addentrandosi nella macchia mediterranea, specie se le temperature sono miti come spesso accade in Salento. Magari fermandosi alla vista degli alberi dai frutti rossi, i melograni, frutti tipici della stagione. Il “succo del benessere” è tutto da assaporare, al melograno sono riconosciute proprietà benefiche, la cultura popolare ritiene questo frutto portatore di fortuna.